Associazione culturale

Da Un Altro Punto Di Vista – Storie

Per “MUST, da un altro punto di vista”, è stato scelto lo strumento particolarmente efficace e duttile del TimeSlips, il programma di narrazione creativa ideato da Ann Davis Basting. I partecipanti hanno raccontato in forma di storie le proprie memorie ed emozioni. La voce del pubblico è diventata così “visibile” e fruibile da altri.

Valentina e Melania hanno supportato Davide e Antonio nel momento dedicato alla narrazione; esperienza, quest’ultima, ispirata dallo studio di due importanti progetti educativi della Pinacoteca di Brera: “Brera: un’altra storia” e “Raccontami Brera”.

 

 

“STORIA AL BUIO”

Siamo Angelica, Annalisa, Claudia, Federica e Valentina. E esploriamo al buio un’opera d’arte scelta da Davide, la nostra guida. Iniziamo a percepire le forme con le mani mentre la voce di Davide ci invita a non temere nulla. Ci lasciamo andare nell’interpretazione.

È su un cubo, anzi no…su un parallelepipedo

È di legno mentre l’opera è in metallo, è fredda

Riproduce la corteccia di un albero, è ruvida all’esterno

Sono più pezzi uniti, come dei moduli che si ripetono

Il metallo riproduce delle vele, gonfie di vento…è bello il mare, dà pace e serenità!

È una conchiglia, leggermente ruvida all’esterno e liscia all’interno

Direi un tessuto, dei fiocchi, morbidi e gonfi

Ci rilassiamo un attimo. Davide ci ascolta e ci invita a toccare ancora l’opera. Ora ci guida, dirige le nostre mani su dettagli inesplorati, e dopo:

È un busto femminile, ho sentito dei capezzoli

Ma il seno è alla base della scultura

C’è un ombelico in alto

È un sedere rotondo

Il busto è riverso su un fianco

Davide ci dice che l’opera fa parte di una serie intitolata Exuviae e ci spiega che questa parola indica l’esoscheletro che l’insetto abbandona quando fa la muta. Riprendiamo dopo questo indizio:

Allora è uno scudo o meglio una corazza…qualcosa che protegge

È il simbolo della gravidanza: la madre protegge il suo piccolo, morbido, liscio e indifeso

Davide ci svela il titolo dell’opera “Frammento di busto” e l’autore, Cosimo Carlucci. Togliamo le bende, guardiamo emozionate l’opera in tutto il suo splendore.

Davide non ha la benda, è una guida non vedente, formata per fare esplorare l’arte da un altro punto di vista.

 

 

“IL BUIO HA LE SUE IMMAGINI” (*)

Sorpresa

Capacità di fidarsi delle mie mani e dell’altro

Curiosità

Paura

Angoscia

Serenità

Due lingue di fuoco

È un inizio di fuoco

e il centro del fuoco è il pomo

Un fiore aperto, è bianco

Mi ricorda la primavera

Il centro è il pistillo

Due anime contrastanti

all’interno la parte liscia pronta ad accogliere

all’esterno la parte rude

Il pomo rappresenta ciò che li unisce

come un cuore

È come un’esperienza vissuta da bambina

quando andava via la luce e bisognava andare a tentoni

È come toccare la corteccia degli alberi

la parte liscia mi dà la sensazione di dorato

qualcosa di freddo

 

[(*) citazione di Davide Dongiovanni]